Logo Collezione

La mia storia, pt.2

Il gioco

…Dove eravamo rimasti? Ah, sí: al gioco…!

Cos'è la «Battaglia delle Note»?

Un gioco!

Precisamente è un gioco da tavolo, che ho ideato allo scopo di ottenere, al termine di ogni sfida, un cocktail casuale, definito, di canzoni e interpreti da incidere su supporto vergine scelto, di volta in volta, tra “Compact Disc”, “Compact Cassette”, “Mini Disc”.

panoramica su supporti vergini usati

(sopra una panoramica ai supporti, da me, usati).

Ora! Mi metto nei panni di chi si sia imbattuto tra queste righe e, non conoscendo a fondo le mie idee, cerchi di interpretare l'affermazione di cui sopra. Assumendo che, egli stesso, abbia colto il legame tra il gioco menzionato e la ricerca di un tot numero di brani da incidere in una qualsiasi raccolta, posso rifarmi alle parole di un noto presentatore che, nelle sue trasmissioni, afferma di frequente:
«La domanda sorge spontanea…»!

foto dottor A. Lubrano

(a sinistra una bella immagine del dottor A. Lubrano).

(immagine dal sito Vivere in Armonia, vai alla Home Page Vivere).

Naturalmente il quesito del dottor Lubrano riguarda ben altri orizzonti, ma ho la sensazione che il lettore, si ponga il seguente interrogativo:
«Perchè Paolo (io; lo scrivente per intenderci), gradendo registrare una compilation di brani a piacere, deve servirsi nientemeno di un gioco da tavolo, quando gli sarebbe sufficiente scegliere e poi infilare le canzoni, una dopo l'altra, nel supporto voluto?».

Anzi! Anticipo di nuovo il simpatico amico annotando:
«Possibile che con le nuove tecniche di ascolto e incisione il buon Paolo registri ed ascolti ancora comuni… cassette??».

«…Ebbene sí, maledetto Carter»…», recitava il personaggio “cattivo” (Stanislao Moulinsky, da Nick Carter di Bonvi) di uno tra i fumetti piú amati della mia generazione; «ebbene sí…», ribadisco io: “La Battaglia delle Note” è la risposta alle ultime due domande!

Nick Carter e Stanislao Moulinsky

(sopra, i due personaggi di Bonvi, da sinistra Nick Carter a seguire Stanislao Moulinsky).

(Immagini dal sito Nick Carter, vai alla Home Page Carter).

disegno dubbioso

(a destra, il mio ostacolo/dubbio, sintetizzato nel disegno).

Riassumerne la ragione in poche righe non è, peró, cosí semplice da spiegare; intanto, effetto della mia passione sonora in crescendo, ricerche decennali di canzoni, musiche, colonne sonore, sigle tv, ecc, tanto che, negli anni, ho trasformato una sana voglia di musica in collezione, a tratti, ossessiva. Alle spalle, inoltre, ho incalcolabili tentativi di realizzare diverse compilation sempre nuove, ma con sforzi perennemente finiti nel vuoto, soprattutto dopo inizi promettenti, a causa di un «ostacolo» o, per meglio dire «dubbio»insormontabile.

Il succo della discussione è davvero questo: tuttavia sono parole che, da sole, non giustificano l'elaborazione del progetto se non rendo partecipe l'amico lettore completando il lungo cammino che, spero, scioglie le eventuali perplessitá.

«…, …, Qual'è l'ostacolo? …».

Andiamo con ordine! Il gioco prende, intanto, forma da due aspetti fondamentali:

Traendo spunti dagli innumerevoli esperimenti ho, alla fine, escogitato un sistema inconsueto e casuale che mi aiuti nel setacciare i brani in questione: il gioco “La Battaglia delle Note”. Stabilite ad uopo alcune regole fondamentali (qualsiasi passatempo è guidato da norme), avevo previsto di partire immediatamente con la loro spiegazione. Non ipotizzavo affatto di commentare quali motivazioni mi hanno spinto a tal espediente, ritenendole onestamente inutili; un'attenta analisi d'insieme, invece, mi ha persuaso di anteporre l'esposizione dello statuto di gioco con questa introduzione-passeggiata, illustrando veramente a fondo la complicata idea scaturita.

Lo Confesso! Suppongo che, come pensavo io, chiunque mi seguirá in queste chiacchiere giudichi la biografia superflua e noiosa; ho peró il sentore che, continuando la lettura egli potrebbe cogliere alcune sfumature interessanti e, qualche passaggio, divertente.

Il preambolo rivive in modo sereno e scorrevole quei momenti salienti e della mia vita legati alla musica, cioè la vera causa dell'epilogo gioco; nei suoi contenuti sono rivelate le attese risposte alle perplessitá di cui sopra. In previsione futura, invece, la prefazione richiamerá alla mente il perchè di determinate scelte effettuate.

Spero, quindi, mi sia perdonato il lungo, ma necessario, racconto e rompo gli ultimi indugi tornando per un attimo al gioco vero e proprio.
Formato da un tabellone sul quale si estende un percorso concentrico diviso in caselle numerate (e non) dove, nel rispetto del regolamento ideato, saranno inseriti i titoli dei brani da incidere, è dotato di segnaposto, monete, carte imprevisti, clessidre, dadi e ulteriori monili, al pari di altri giochi da tavolo, malgrado mantenga una propria fisionomia e qualitá.

monopoli

(a sinistra, il gioco Monopoli™).

La Battaglia delle Note” non è, in realtá, il comune passatempo per amici ma, pur imitando le modalitá dei giochi di societá piú famosi e dai quali ho ricavato molti spunti, è un intrattenimento studiato per divertirmi con le canzoni assieme alla mia famiglia (forse, apportando opportune modifiche, potrebbe diventare un divertimento di ruolo estendibile a chiunque); come le sfide in “Monopoli”, “Cluedo”,

cluedo

(a destra, il gioco Cluedo™).

“Gioco dell'Oca”, ecc, una qualsiasi partita prevede comunque un vincitore tra noi tre, in ogni caso l'effettivo scopo del gioco è di aggirare il famigerato ostacolo che mi si prospetta quando provo a decidere natura e la sequela dei brani da inserire in una nuova registrazione.

gioco dell'oca

(sopra, il gioco dell'Oca™).

(Immagine dal sito Massimo Donadi, vai alla Home Page Massimo).

La mia vera ostinazione è nel voler, innanzitutto, cambiare le sequenze volute dall'artista titolare dell'incisione; di seguito, disegnare dette raccolte eterogenee:
non solo con una cadenza sparpagliata di interpreti ma anche con un'estensione ai molteplici stili, tipi sonori, nazionalitá e interpretazioni presenti nel variegato mondo della musica. In parole povere ottenere, dunque, una successione di brani, interpreti, stili quanto piú casuale possibile.

La cosa piú ovvia, in pratica la scelta dei brani da includere, mi ha peró ultimamente bloccato!

Eccolo! «L'ostacolo da aggirare»!

Un blocco che, ad ogni nuova incisione, mi rivolge le stesse domande:

Potrei continuare per molto altro tempo con nuovi quesiti…!
…Ma, a dire il vero, non è sempre stato cosí!

Fine pt.2

© Paolo, 01/07/2011.

Vai alla Home Page di ESCC/79.

Vai alla Pagina le Nostre Recensioni.

Vai alla Pagina La mia Storia, Pt.1.

Vai alla La mia storia, Pt.3.

Vai alla La mia storia, Pt.4.

Vai alla La mia storia, Pt.5.

Vai alla La mia storia, Pt.6.

Pagine

4 Domande…
A passeggio con Luca
Amici ESCC/79
Archivio
Collane '70
Dedica dal Cuore
Essere o Non Essere?
Canzoni al G. Canyon
Il CICoM
Il Disco ESCC/79
Indice Brani
Enciclopedia Marchi
La Mia Storia
Le mie Ricerche
Oggetti Dimenticati
Aggiornamenti in Sequela.
Tram e Canzoni
Un Libro, Un Book
Un Tocco di Jazz
Una nota qui, una lá

Articoli