Logo Collezione

Il DEM: settembre, 2011

Una chitarra, …, … (cento illusioni, …! No! Questo, a presto): un suono dolce, prolungato a sfumare nell'aere circostante! Lo stupendo strumento a corde (“Steel Guitar”) di Santo, al secolo Farina. Accompagnamento: un'altra chitarra, questa volta elettrica di Johnny, fratello piú giovane di Santo e, quindi, anch'egli dinastia Farina.

I due artisti italo-americani sono e restano (a distanza di anni, la cui prima apparizione risale al 1959) inconfondibili: quando le loro note scalfiggono la quiete delle onde aeree, immediatamente, il pensiero corre ad essi, ai due tenaci fratelli da noi, cinquantenni (e oltre), conosciuti quali Santo & Johnny.

Ho molto combattuto, tra me ed io medesimo, per recensire il DEM di Settembre (che, a dire il vero, anche complice una leggera influenza, pubblico in ritardo; cosí per molti altri articoli); come, peró, ho scritto nell'editoriale (ovviamente, del mese) la grande calura regalataci dall'Anticiclone Africano, congiuntosi (per lo piú) col cugino, l'Anticiclone delle Azzorre, mi ha decisamente orientato al disco dei due Farina e che, difatti, riguarda il loro singolo:

SCANDALO AL SOLE / ONLY YOU.

A dire il vero, anche la Sciá, è stata complice della scelta; ad ogni modo la decisione mi ha reso felice.
Il Lato A, sebbene la cover sia impostata a titoli inversi, contempla un'armonia unica, resa ancor piú emozionante da Santo & Johnny, per un brano famosissimo, giá bello di suo e portato al successo (vedere articoli Renzo50 e Frecce Luca 1) da quel gruppo americano, per gli stessi vocalist, diventato inno e simbolo: sí! Esatto! The Platters.

Il Direttore d'Orchestra, Percy Faith

Girando il 45 troviamo, nel Lato B, la versione personalizzata e rivisitata nel sound del brano SCANDALO AL SOLE, motivo cardine della colonna sonora originale del film “A Summer Place”, che fu incisa nel 1959 dal maestro Percy Faith and his Orchestra. Penso davvero che, con questo caldo, il titolo sia in toto pertinente…!

(a destra, il maestro Faith in una bella immagine tratta dal sito, Top 40 Db, vai alla Home Page T40DB).

Vorrei spendere altre due parole per ques'ultimo brano: lo reputo veramente una dolce e bella melodia che, soprattutto tra i grandi Direttori e Orchestre di tutto il mondo ha furoreggiato (probabilmente, ancor oggi, molti artisti inseriscono il brano tra il loro palmares). A prescindere dall'interpretazione propria del film, del maestro Faith, come scordare quella dei direttori Vaughn, and his Orchestra, Hugo Winterhalter, and his Orchestra, Peter Nero, Frank Pourcel et son Grand Orchestra, Paul Mauriat et son Orchestra, Fausto Papetti e quanti altri!

Le note delicate, ma superbe, dei fratelli Farina scaturiscono dalle loro chitarre in un arcobaleno di note e colori che, un'arrangiamento sobrio e, per niente, invadente comunque curato nei dettagli, rendono un cocktail sonoro eccezionale. Il singolo intero è un vero bijou assolutamente da ascoltare in profonda ammirazione: onore ai fratelli Santo & Johnny.

Il 45 Only you / Scandalo al sole, Santo & Johnny

front-cover 45 retro-cover 45

(sopra, fronte e retro cover del 45: …, …, disco vissuto!).

Tabella Raritá

Dati Tecnici del 45 Valore
TITOLO ONLY YOU / SCANDALO AL SOLE (Tema dal film omonimo).
AUTORI Ram - Randa
Steiner - Discant
INTERPRETE Santo & Johnny
CASA DISCOGRAFICA (marchio) A, Canadian American Records, Ltd. (Wippineg New York)
SERIE DISCOGRAFICA CAN 7000
NUMERO DI CATALOGO CAN / 7036
ANNO DI PUBBLICAZIONE 1968
DISTRIBUZIONE BLUEBELL RECORDS
NAZIONE DI STAMPA ITALIA
INCISIONE mono
COLORE VINILE classico, nero
COVER semplice, in carta
DURATA BRANI 2'10"/4'25"
CODICI FACCIATE CAN. 7036 A
CAN. 7036 B
CODICI 45 CAN - 7036-A R-7-8-68
CAN - 7036-B R-7-8-68
VOTO AL DISCO 9

Tabella Raritá

Stella rossa 1Stella rossa 1 Stella rossa 1Stella rossa 1 Stella rossa 1Stella rossa 1 Stella rossa 1Stella rossa 1 Stella verde 1Stella verde 1
8 / 10.

Questo 45, eletto a DEM di Settembre 2011 ha, come altri, una sua storia: forse curiosa, …!

Correva l'anno 1966; uno zio materno ricevette la fatidica chiamata alle armi: diciotto mesi tra gli Alpini, destinazione Brigata Alpina Taurinense, con C.A.R. a Cuneo e successiva destinazione Aosta.

In compagnia di un altro zio (sempre da parte di mamma e, conseguentemente, fratello del soldato), i miei genitori organizzarono una giornata da trascorrere ad Aosta in visita allo zio Gianni, con la lieta compagnia dei miei nonni (i genitori di mamma, in pratica), altri zii ed alcuni amici: per me, una giornata indimenticabile!

Mangiato al sacco tra le verdi rive di un torrentello piú a monte, nelle cui gelide acque immergemmo un'anguria comprata in un chiosco a valle e comprato il fatidico Cappello d'Alpino (ero predestinato: difatti, per un breve lasso di tempo, ma anni dopo, ricalcai le zio Gianni impronte. Ci divise il solo colore della nappina: lui rossa ed io verde, finendo perció a Borgo San Dalmazzo) trascorremmo una giornata stupenda, di quelle che restano scolpite nella mente.

(sotto: per ringraziare davvero i miei zii, ai quali sono legatissimo, un piccolo omaggio con loro).

quel giorno ad Aosta, zio Lino ed io quel giorno ad Aosta, zio Gianni ed io

Fu una cosí piacevole giornata che, due anni piú tardi, dopo il congedo di zio Gianni, i “grandi” decisero di ripetere l'esperienza: preparati armi e bagagli, l'(allora) allegra brigata partí per quei monti, seguendo una falsa riga di quella piacevole visita ad Aosta. Nel pomeriggio, questa volta, (agevolati dalla mancanza di rientri in caserma) girammo alcune vie principali della cittadina sabauda, tanto che capitammo involontariamente (quando il caso ci si mette, …) di fronte ad una stupenda vetrina di dischi che faceva gran sfoggio di sè. Io, 8 anni, abituato alle piccole botteghe di paese ed, al massimo, ai pur riforniti negozi casalesi, a quella vista galattica rimasi letteralmente folgorato ed estasiato tanto che, ancor oggi, ricordo sia quel meraviglioso mondo colorato (sará stato un segnale? …, …), sia la seguente scenetta.

Zio Lino, l'altro fratello, addocchió tra le esposizioni proprio il singolo di Santo & Johnny in questione; disse, immediatamente, a mio padre che quel disco, in particolare il brano dal titolo Scandalo al sole, fosse veramente favoloso. Da par suo, mio papá, all'inizio fece orecchie da mercante ma, dopo le insistenze convinte del cognato, si fece trascinare all'interno del negozio (naturalmente: io a ruota) chiedendo al proprietario l'ascolto del preciso motivo col benestare dello stesso negoziante che, alla richiesta, annuí sorridendo (resta in me, infatti, ricordo di persona gentilissima e disponibile al massimo, al contrario di ció che successe a Luca con le Prugne Elettriche).

Fin dalle prime note anche il saggio genitore cedette a quell'armonia, acquistando quel disco che fu, nei rari momenti d'ascolto, immancabilmente impilato tra i 45 del Blaunkpunt di casa!

Evidenziando la sua etá, il disco qui illustrato, è proprio quello di Aosta: grazie zii, senza di voi non lo avrei in collezione!

parte della seconda spedizione ad Aosta nonno ed io

(da sinistra/sopra, parte dell'allegra brigata la seconda volta ad Aosta con, tra loro, zio Gianni libero cittadino e mio padre alle prese con un bottiglione di …, …, acqua;
a seguire un pensiero piccolo ma, grande, grande, grande dal cuore all'unico nonno che ho potuto conoscere. Questa è la sola foto che sono riuscito ad avere con lui, scattata proprio quel giorno: ciao nonno
).

Pagine

4 Domande…
A passeggio con Luca
Amici ESCC/79
Archivio
Collane '70
Dedica dal Cuore
Essere o Non Essere?
Canzoni al G. Canyon
Il CICoM
Il Disco ESCC/79
Indice Brani
Enciclopedia Marchi
La Mia Storia
Le mie Ricerche
Oggetti Dimenticati
Aggiornamenti in Sequela.
Tram e Canzoni
Un Libro, Un Book
Un Tocco di Jazz
Una nota qui, una lá

Articoli

© Paolo, 03/09/2011.

Vai alla Home Page di ESCC/79.

Vai alla Pagina il Disco del Mese.

Vai alla Pagina le Nostre Recensioni.