Logo Collezione vista su ESCC/79, sez 45 giri vista su ESCC/79, sez 33 giri vista su ESCC/79, sez 33 giri, altra angolazione vista su ESCC/79, sez 33 giri, tra legno e ferro vista su ESCC/79, sez 33 giri, cofanetti raccolte vista su ESCC/79, sez scatole cd

ARCHIVIO ESCC/79, l'editoriale di febbraio 2012
Eddem Semper Cantiléna Collâtum / 79

search engine by freefind advanced

ovvero
«Mettere Insieme la Solita Musica»

ovvero
"Collezionare Dischi dal 79"

Ultimo aggiornamento: 26/02/2012, ore 11:06

Cronologia aggiornamenti del mese

25/02/2012, ore 11:30

26/02/2012, ore 11:06

27/02/2012, ore 12:50

01/03/2012, ore 10:02

Mi volete scrivere?
paolo@collezionaredischidal79.com

Editoriale Febbraio 2012

HTML, versione 3.0. XML. XHTML 1.0 strict, transitional, frameset, 1.1, basic. XHTML 2 e HTML5 (™)”: che pasticcio! Almeno per me! Tralasciando i vari “CSS, 2 e 3 (™)”! Quale linguaggio usare? Boh!

Imparato (a sommi capi) uno tra questi codici ecco, immancabilmente, il passaggio al suo successivo: naturalmente con regole diverse (anche se i vari testi si premurano nel conferire al nuovo codice una retrocompatibilitá con i suoi predecessori che, alla fine, poche volte rispecchia la realtá)!

Il bello di tutto è che, gli stessi libri, si affrettano anche nello scrivere che le vecchie regole sono retrocompatibili ma, agli atti pratici, non è del tutto vero: alcuni errori rilevati dal nuovo HTML5 sono, al momento, irrisolvibili (parlo, …! Ehm! Ehm! Scrivo sempre per me naturalmente)!
Non mi resta che continuare al momento col vecchio XHTML, concentrandomi allo studio del nuovo markupe language e rimandare la sua attuazione!

Resta bene inteso: sono ben lungi dal costruire un sito con design perfetto, accessibile da qualsiasi browser, ecc., ecc. Peró con voi amici che continuate nel venirmi a trovare in queste “povere pagine”, lo stimolo nel migliorare non si assotiglia di certo: anzi! Trova nuovi vigori, pur nel poco tempo libero che (ultimamente) riesco a trovare (difatti, devo scrivere le mie pagine a rate)!

Ad ogni modo (e non so perchè), tutto questo bailame, mi richiama alla mente una canzone del simpaticissimo Francesco Salvi:

…, Con tutto quello che si sente in giro
proviamo a far cantare gli animali veri!
Vai col gruppo, prova microfono:
Esatto…

Adesso voi due;
siete caldi? Avete spostato la macchina?
Anch'io

One, two, three, quattro;
esatto, esatto, esatto, esatto

Facciamo tutti dei versi,
siamo una grande tribú.
Non siamo tanti diversi:
dai! Prova a farlo anche tu!

Bene, cominciamo col maiale: the pork!
Mi raccomando,
è la prima volta che canta un maiale.
State attenti alle parole: scandirle!
Esatto…!

Era la prima volta,
mi sa che è anche l'ultima…!

Il gallo:
mi raccomando! Essere piú chiari

Perchè anche il testo,
facciamo tutti dei versi,
siamo una grande tribú;
non siamo tanti diversi:
dai! Prova a farlo anche tu, …, …, …

ESATTO! Avete indovinato:

cover del 45 di F. Salvi

(a destra, la front-cover del 45 giri, la cui canzone ha partecipato al “XXXIX Festival di San Remo”).

Passaggi tratti dal brano ESATTO!, Francesco Salvi, (Salvi - Natali - Salvi),
1989, su disco, FIVE, Nr. Catalogo, FM 13221 (45 giri).

Febbraio; il mese piú corto dell'anno! Non per rivangare le classiche frasi fatte ma mi credete se vi dico che, da qualche giorno a questa parte, sembrano anche i giorni con meno ore dell'anno?
Non faccio altro che lavorare, mangiare (quando possibile) e dormire per stanchezza accumulata!
Altro che “CHI NON LAVORA NON FA L'AMORE”: io, effettivamente, dovrei ormai avere solo pensieri “pensionistici”; invece devo (letteralmente) rubare alcuni istanti al lavoro per (almeno) farvi sentire la mia presenza qui nel sito! Mah!

Pensate che il buon Luca mi ha inviato, giá da qualche giorno, l'intera discografia Arc, una delle piú intriganti etichette made in Italy e non ho ancora avuto il tempo nemmeno di guardarla!
Ed anche se noto un piccolo interesse per la pubblicazione dilazionata del classico editoriale mensile (che desta curiositá, per la sua non staticitá), mi spiace non poter disporre del tempo necessario per redarre i miei poveri articoli: addirittura ora, alle 10.00, devo scappare a pranzare perchè devo poi andare al …, …: Esatto! …, …, Lavoro!

…, … Senza dimenticare che soltanto stamattina (15/2) sono riuscito (dopo ben tredici giorni dall'aver ricevuto la sua mail) a pubblicare l'articolo del mio fretellone jazzista, …!

Febbraio: tempo di Festival! E quale localitá abbinata alla canzone italiana?
Esatto!
San Remo.

sanremo; panorama

Bello, vero, questo panorama a sinistra (alto) della cittadina dei fiori? Difatti l'ho rubata ad un sito che tratta proprio di fiori e, se siete appassionati del settore, vi consiglio caldamente un “giretto” nelle sue pagine: è davvero accattivante. Vai alla HP spedirefiori.eu.

celentano in una sua classica immagine

Scrivevo del Festival 2012; quest'anno, lo ammetto, sono rimasto alquanto deluso dalla kermesse nazional-canora. Solitamente e nonostante un certo decadimento del Festival, trovo tutti gli anni canzoni invitanti, brani ai quali il primo ascolto alza (almeno uno) dei miei padiglioni aurecolari e mi fanno dire la classica:
«questa canzone è bella!».

Al contrario, questa volta: niente! O, almeno! Poco!

Mi spiace: ma non ho assolutamente condiviso, in particolar modo, la performance del mio mito (forse) piú profondo, Adriano! A parte il cantare che, in quel caso, nonostante i tanti anni di attivitá, questi, sembrano non scalfiggerlo minimamente (qualche mossettina dei tempi andati l'ha, anche, azzardata). Io personalmente, peró, non seguo il Festival della Canzone Italiana per sorbirmi sermoni cattolico-politici che posso o meno condividere: non mi sembra davvero il luogo!

Non mi dilungo oltre: primo per non esser un imitatore, secondo per non toccare la sensibilitá altrui (che vá assolutamente rispettata). La nota magica, peró, è stato l'annuncio che i colori nazionali, al prossimo EuroFestival saranno rappresentati dalla bravissima Nina Zilli. Da parte mia, un'ottima scelta! Chissá non si possa puntare davvero alla vittoria e riportare dopo anni la fantastica manifestazione nel nostro Paese.

logo del sito foto dell'artista

Naturalmente vi rimando al sito ufficiale italiano della manifestazione europea (dal quale ho tratto le due foto a lato, il logo del sito e la foto di Nina): troverete tutte le notizie piú aggiornate e vere a tal riguardo.
Vai alla HP EuroVision Italia.

A questo punto volevo ringraziarvi di cuore; il mio amico Carlo, nonchè collega, mi ha spedito un toccante messaggio al cellulare, nel quale mi ringrazia per la sponsorizzazione tra queste pagine del sito Presepi PonteX, che dimostra la grandissima arte nelle mani dello stesso Carlo nel costruire modellisticamente e minuziosamente Presepe incredibilmente belli.
Siete voi, peró, che dovete essere ringraziati: di cuore! Continuate a sostenere (per quanto possibile) le visite al sito e se vi capitasse di fare un salto a Genova Pontedecimo chiedete del bravissimo collega:
Esatto!
Dal vero le sue creazioni sono ancor piú realistiche!

Vai alla HP PresepiPonteX.

Come concludere la mia pagina introduttiva (questo mese a rate) di Febbraio? Intanto ricordandovi che, se avete voglia di leggere tutti i precedenti editoriali, dal link “Archivio” del rettangolo destro a sfondo azzurro, potete rivisitarli, accollandovi l'onere di sorbirvi le mie parole; come del resto tutti gli altri articoli degli amici di byte e miei, scegliendo l'altro link (sempre nello stesso spazio) “Indice Recensioni”, dove troverete, in stretto ordine alfabetico, tutti gli argomenti trattati.
L'ambiziosa avventura che, da qualche tempo, mi sono proposto di portare avanti (La Piccola Enciclopedia dei Marchi) procede bene, ma mi impegna moltissimo e, la sua compilazione, occupa gran parte della libertá lasciatami dagli altri impegni: per questo vi invito a non pensare d'aver affievolito la mia presenza qui, in loco: anzi! Tenete sempre d'occhio la Piccola Enciclopedia in quanto, quasi quotidianamente, l'aggiorno con nuovi inserimenti.

La conclusione piú ovvia, comunque, dopo averla accennata parecchio è l'ascolto di alcune note del simpaticissimo brano dell'altrettanto piacevole cabarettista Francesco Salvi: ce ne vorrebbero tanti come lui (a parte la sua nota fede a, …, …, striscie!).

…, …, anche se, ventuno anni prima Adriano, in altre parole disse qualcosa di simile:

Ricordate?

© Paolo, 01/02/2012.

Il rettangolo delle prossime novitá

Vai alla Home Page ESCC/79.

Vai alla Pagina le Nostre Recensioni.