Logo Collezione

ARCHIVIO ESCC/79, il primo editoriale maggio/giugno 2011
Eddem Semper Cantiléna Collâtum / 79

ovvero
«Mettere Insieme la Solita Musica»

ovvero
"Collezionare Dischi dal 79"

Ultimo aggiornamento: 23/06/2011, ore 17:24


Editoriale

«…Era lí, era lí a sconvolgere il cuore…
MUSICA, MUSICA sa di piacere, sa…
…metti una stella e il sole di un ricordo…
…puoi fare il cieco, ma prova a fare il sordo…
…torni a casa smadonnando e ce l'hai seduta lí…
…ti vorrei chiamare NOI
…chi puó dire quando è tua, sua, mia…
…metti un giardino in cui scioperano i fiori…
tu non sei tu, senza musica
…»

Foto 33 Duemilatrecentouno Parole Vanoni
Busta Interna dello stesso 33, con foto

(Le foto: da sinistra la busta interna del 33 citato, con testi e foto della cantante; a destra la copertina del disco.)

Passaggi tratti dal brano MUSICA MUSICA, di O. Vanoni, S. Bardotti, M. Fabrizio, 1981, dell'album DUEMILATRECENTOUNO PAROLE inciso da Ornella Vanoni su disco CGD, Nr. Catalogo, CGD 20272 (33 giri).


«BENVENUTI DA QUESTE PARTI, CHIUNQUE VOI SIATE»: sará il saluto che accompagnerá ogni visitatore che (per fortuna, sbaglio volontariamente e/o quant'altro) scorrerá le pagine del sito. Non ho saputo resistere al testo di questa MERAVIGLIOSA canzone per esprimere spirito, volontá e amore nei confronti di quest'arte, chiamata MUSICA (spero gli autori del brano perdonino il mio "azzardo"; è stupendo iniziare con quelle parole).


Prima di continuare nei miei (nostri) excursus (avevo erroneamente scritto "escursus", ma l'occhio vigile di Sergio…) una sorpresa, per me, che vá al di lá di ogni mia piú rosea aspettativa: le parole di Anna, mia moglie! Pubblico testualmente un'inaspettata e-mail, ricevuta da poco, per l'orgoglio che entrambe mi incoraggiano in questa pazza, pazza, pazza avventura mediatica.

Una dedica che viene dal cuore!

«Nella mia vita la musica c'è sempre stata, anche se in modo diverso durante gli anni. Da bambina ricordo mio padre che ogni tanto tornava con un disco (acquistato da un suo carissimo amico che aveva il negozio). Allora le possibilitá erano poche, cosí papá comprava quasi sempre ristampe o raccolte, soprattutto di Sanremo. Ricordo peró un disco “originale” al quale era particolarmente affezionato, un 33 giri di Caterina Valente. Era una cantante che a lui piaceva molto, ed era molto orgoglioso di quell'acquisto. Ora quel disco appartiene alla “vasta collezione“ di Paolo, mio marito. Mio padre è stato una delle prime vittime di Paolo come “procacciatore di musica”. Dal giorno che ci siamo conosciuti (piú di trent'anni fa), Paolo ha fatto “man bassa” di dischi, cassette e tutto quello che è musica dai miei parenti ed amici (dopo essere naturalmente passato prima dai suoi!!!). Scherzi a parte, la collezione che ora possiede è iniziata anche cosí. Sí, perchè lui e la musica sono una cosa sola!!!! Non ricordo un giorno della nostra vita assieme senza musica! In casa nostra c'è sempre una radio, un giradischi, un lettore cd in funzione. Per far capire quanto è grande la sua mania: quando aspettavo nostra figlia, Paolo, mi metteva le cuffie sulla pancia perchè come diceva lui «…nostro/a figlio/a (non sapevamo ancora se maschio o femmina) deve imparare fin d'ora quanto è bella la musica!!!». Sará stato il caso ma, effettivamente, Valentina ha ereditato dal papá questa passione. Anche a me la musica è sempre piaciuta, ma da quando conosco Paolo, ho imparato a viverla anch'io. Certo, non sono esperta come lui. A me basta ascoltare un brano che mi piace per essere soddisfatta. Paolo no! Lui in ogni nota trova quel qualcosa che rende il pezzo ancora piú bello!!!!! Con infinita pazienza ha scovato interpreti e brani a tanti sconosciuti, versioni di canzoni famose diverse dall'originale, magari solo per un sottofondo strano o per qualche parola cambiata nel testo. Ma la cosa bella di tutto questo è che ha sempre voluto condividere questo suo “amore musicale” con gli altri, appassionati e non di questa, come la definisco io, “febbre con le note”. Spero che questo sito da lui creato possa avvicinarlo ad altre persone, che vogliano e possano condividere con lui questo grande amore. Auguri a mio marito, che questo possa diventare UN GRANDE SITO MUSICALE». © Anna, 25/05/2011

Con alcune lacrimucce (sono sincero) ringrazio la Sciá: è un augurio e regalo MERAVIGLIOSO.

Tornando dal pianeta di Cupido, al momento questo sito è ancora (soltanto) una prova generale nel tentare di creare uno spazio dedicato alla MUSICA e, di conseguenza, alla mia collezione discografica: ci vorrà ancora molto tempo ma, la figura qui sotto, rappresenta il mio logo: alt!
Lo so! Chi si è collegato altre volte continua col vederlo cambiare! Questo sotto dovrebbe essere la versione definitiva; ho dovuto modificare piú volte la struttura del disegno per via di piccoli errori che non sapevo fossero tali: proprio stamattina (18/05/11), peró, ho approfondito l'argomento immagini ed ho imparato, dal mio saggio libro, quali rischi correvo nel non correggere alcuni errori di base! Del resto vi avverto subito : per me il linguaggio «XHTML™» è campo da scoprire!

Basta con le chiacchere inutili: Il vero, unico ed inimitabile marchio di fabbrica è la meraviglia qua sotto!

Il mio logo
Ora che sono passato alla storia (qualcuno ricorda una certa canzone del grande Neil Sedaka, dal titolo «Esagerata»?), mi devo presentare: sono Paolo, lavoro in azienda "TrenItalia" in qualità di macchinista; ho una sfrenata passione per la collezione di supporti musicali, tuttavia, la mia preferenza è, orientata al VINILE quasi esclusivamente Made in Italy (mania ereditata da un certo Giorgio Prigione!).

Il mio traguardo sarebbe quello di poter parlare con altri appassionati come me con cui scambiare idee, dati e opinioni sulle varie stampe di tutti i supporti.
Sono un pivello in confronto ai numerosi "Esperti" (con la E maiuscola) della musica e del collezionismo, ma penso di poter dire qualcosa anch'io perchè da anni (per la precisione dal 1979 - saltano agli occhi, per caso, gli ultimi due numeri della cifra? -) immerso nella realtá di ricercatore.

Ho giá gettato una prima pietra nello stagno (occhio agli spruzzi): per me non sará un lavoro semplice, perchè, a parte le classiche navigate in rete, sono nuovo a questo mondo virtuale, in particolare alle tecniche relative a costruzione di siti Internet. Un intero campo davvero da scoprire; calcolate, inoltre, che (come tanti altri appassionati) essendo autodidatta…, sono (saró) vincolato a scavalcare da solo tutti gli ostacoli del caso (piccoli o grandi che siano)! Sará, al contrario, un vero piacere trovare e ritrovare vecchi e nuovi amici con i quali scambiare articoli, opinioni, discussioni, servizi, recensioni varie e costruire, tutti assieme, un «fine» luogo di ritrovo a sfondo musicale.
Sfrutteró a tal uopo (bella questa, vero?) i pochi momenti liberi (che diminuiscono di giorno in giorno) da impegni lavorativi; al momento l'incognita che mi cruccia in maggior misura è capire come poter inserire il fulcro di tutto il sito, in parole povere la vera e propria collezione, archiviata su un database «Access™».
Generato dopo anni ed anni di studi, prove e stra-prove, il database contenente i dati coi miei supporti, funziona oggi egregiamente: ma sul mio computer! Essendo proprio lui stesso (il database, intendo) la vera e propria causa che mi ha spinto in questa (folle/divertente?) avventura, sto cercando appunto anche di aggirare questo odierno e rilevante ostacolo, senza sconvolgere la natura progettuale del database (sono accetti suggerimenti).
Per contro devo ammettere di non avere urgenze di sorta: costruirò questo spazio piano piano, man mano che imparerò quelli che il mio prode aiutante, il libro, definisce «i segreti del buon web-design». Scusatemi del "raffazzonamento" iniziale di queste pagine, con fotografie ed immagini fuori misura e schema; ció che tutti vediamo al momento, difatti, é solo lo scheletro della mia idea finale: ripeto, dunque, che non avendo particolari pressioni congegneró l'ossatura di questo sito con tutta calma, accettando eventuali aiuti esterni o di qualsiasi progettista che voglia indicarmi la strada giusta (anche se rimarrá invariato il mio tocco personale, la spontaneitá ed allegria che vorrei regalare a questa area web).

Ambirei alla crescita d'un lavoro d'Equipe (non 84, a quella penserá un mio caro amico) sebbene, al momento, spero che gli amici "webisti" si accontentino di scorrere questa lunga pagina con tutta la pazienza del caso.

Un ultimo appunto: il posizionamento (in questo momento ancora forzatamente sequenziale) non ha e non avrá nulla a che fare con un'eventuale (assolutamente involontaria) graduatoria d'importanza relativa ad ogni articolo: è solo casualitá.

Il sito tratterà in modo particolare tutti i supporti della mia collezione musicale:

Recensire tutte le discografie che gli interessati vorranno offrirmi: una novitá di questo spazio WEB

Chiunque per sbaglio (in questa fase di impostazione) passi di qui e voglia scrivermi, suggerirmi idee nuove (annotare i molti errori di battitura), perchè no, farmi critiche, può contattarmi; con immenso piacere cercheró di rispondere a tutti.

Il mio indirizzo e-mail è paolo@collezionaredischidal79.com. Scrivimi, cliccando sul link puoi farlo direttamente.

A questo punto, immagino, qualcuno nel porsi due domande:

«…Hanno ragione,
hanno ragione,
mi han detto è vecchio tutto quello che lei fa,
parli di donne da buon costume
di questo han voglia se non l'ha capito giá
…»

Cover Luci a San Siro, Vecchioni

Dal brano «Luci a San Siro», 1979, Testo e musica di Roberto Vecchioni.

(a sinstra, cover 33 giri Luci A San Siro di R. Vecchioni).

«Nota di colore: qualcuno nota quali mezzi di trasporto sono visibili sullo sfondo?»

Dicevo, o meglio cantava Roberto Vecchioni, hanno ragione… …entrambe! Ci sono alcune motivazioni per le mie scelte; intanto il nome. Sono sempre stato affascinato dalla lingua latina (studiata in terza media volontariamente; naturalmente, non è latino il 79 finale che, come ho giá scritto, significa l'inizio della mia raccolta musicale) tanto che, la prima parte dell'appellativo, deriva da una frase della mamma del nostro italiano, che mi ha particolarmente colpito.
Tratta dal «vocabolario latino-italiano/italiano-latino» edito da Signorelli Milano nel 1966, di «E. D'Arbela, A. Annaratone, L. Cammelli»,  alla voce MUSICA dove, ad esempio finale della definizione corrispondente, scrive appunto la frase che dá il titolo alla collezione, traducendola in È sempre la stessa musica (capíta l'antifona?); mi è piaciuta talmente che l'ho adottata. Per completezza ho aggiunto la parola Collâctum (collezione), dividendo con una barra verticale il 79 (che sfortuna: qui a Genova il 79 non c'è; nemmeno quello barrato…), anno di inizio della mia avventura di ricerca a completare l'intero nome: un tantino ostico, ma di sicuro effetto!
L'indirizzo: altra dolente nota! Se il lettore si ferma un secondo a pensare, scandendo bene il nome dell'URL, noterá che il tutto significa:
«Collezionare Dischi Dal 79» senza spazi tra le parole (ho imparato dal mio fedele libro che è meglio evitarli nello stesso modo dei trattini, perchè, molto spesso, dimenticati)! Il «com» (l'estensione non deve mancare) è adottato per far risultare piú semplice la caccia del sito ai motori di ricerca. Nel contempo, qualcuno, volesse digitare «it» al posto di "com", finirebbe nello stesso sito: ho praticamente due estensioni.
Il nome proprio del sito letto con gli spazi giusti, è, a mio parere, facile da ricordare! Lungo…, forse sí, ma nato dall'esigenza e (mia) volontá di avere un sito MIO, con propria denominazione, onde evitare di essere confusi e diretti in altri siti e/o cedere diritti vari a terzi, essendo altri termini meno lunghi e difficili, giá registrati e vincolati ad altri WebMaster.

La seconda risposta è, forse, meno scontata perchè vorrei davvero un sito diverso dai soliti puri e crudi dati (molto interessanti e che saranno, senza dubbio, presenti anche qui, ma privi di armonia e colore), dividendo questo spazio con chiunque abbia qualsiasi cosa da dire e voglia far sentire il proprio peso, ovviamente dal punto di vista musicale. Le vicissitudini di appassionati che, come me, da anni cercano, trovano, scovano (e chi piú ne ha piú ne metta), tesori immensi che andrebbero persi, molte volte, tra le discariche comunali, vorrei corredassero quei numeri discografici, attraverso la narrazione della gioia di un ritrovamento, il racconto sulla felicitá provata nel momento (qualcuno di mia conoscenza, forse, ricorda un certo 33 giri della cantante Rosy) atteso da secoli, o anche aneddoti simpatici che portano il giusto tocco di allegria e spensieratezza.

Sono consapevole delle mie parole ed accetto anche di essere deriso della mia idea ma, davvero! Scontando il fatto che mi rivolgo dapprima agli amici (ovvio), chiunque voglia mandarmi articoli, secondo lui, interessanti, particolaritá, curiositá, sará, senza ombra di dubbio, il BENVENUTO.

GRAZIE A TUTTI Paolo 10/05/2011 (e.c.: 23/05/2011; 24/05/2011; 25/05/2011)


Intanto: alcune immagini "veloci" di Eddem Semper Cantiléna Collâctum / 79

Una vista all'Armadio dei 33 Un particolare dell'Armadio 33 Vista su Armadio in legno e quello in Ferro Sezione Raccolte


Editoriale Giugno

Tra Vinili e CD Tra 45 e CD Alcune Scatole Contenenti CD Altre scatole per CD

(le foto sopra: altre immagini di Eddem Semper Cantiléna Collâctum / 79: le scatole contenenti i cd).

Giugno!
AMISSCIII, come enfatua José Altafini, durante le telecronache di calcio!
Amici!
È passato un mese!
30 giorni di emozioni incredibili, per me perchè mi sono catapultato in questo nuovo mondo del quale, come ho giá detto, conoscevo solo i click per passare da un sito all'altro e da una pagina alla successiva!

Sono stati momenti emozionanti: capire il linguaggio di programmazione, impostare le pagine, convincere gli amici a partecipare, ributtarmi sui libri superare le difficoltá: ma quant'altro dimentico! Volete la veritá?
«È stato bellissimo ed emozionante

Superare (almeno tentare) anche le prime critiche, ricordate?

«…ci siamo: ecco le … prime lamentele! La semplice barra verticale da usare per scorrere l'unica pagina è, ormai, diventata fastidiosa. Un certo amico di Novara alle 06:13:42 di questa mattina (dormire no! …vero?), mi comunicava (via messaggino su cellulare) che non andava bene! Bisogna cambiare!
Quasi avesse annusato l'odore, proprio la scorsa sera, ho "studiato" il sistema per creare i famosissimi link che ho, immediatamente, attuato: altrimenti altro messaggio con la stessa richiesta! Invece NO!…»

La mia grande e gioisa sorpresa siete VOI «INTERNAUTI»: mi avete accolto in rete davvero con un risultato superiore ad ogni mia piú rosea previsione. Ho avuto un ottimo risultato di visitatori. Lo so! Ho ancora tantissima strada da fare e dovró rivedere parecchie cose. VOI mi avete dimostrato che vale davvero le pena di passare anche notti insonni: penso di essere sulla strada giusta!

Ribadisco ancora: la vostra forza, sará la mia volontá di migliorare! Continuiamo cosí!
Grazie, davvero, a ogni visitatore!


Tabella Raritá

Oggi (04/06/2011), in un momento di poca luciditá, ho pensato che aggiungere un valore di "REPERIBILITÁ ai vari supporti analizzati in questo sito potrebbe essere interessante, anche a chi si avvicinasse ora al mondo del collezionismo musicale. Non vuole essere un valore assoluto, tantomeno una questione danarosa: solo un'espressione di difficoltá nel poter "arrivare" al supporto in questione.

Ho pensato di dividere in gradi la difficoltá in numero di dieci; due tipi di stelline valuteranno, perció in tale valore:

Logicamente, in questa graduatoria, un maggior numero di stelline rosse, convalida una difficoltá sempre piú grande.

Buon Divertimento!

© Paolo, 01/06/2011, (e.c.: 04/06/2011)


Vai alla Home Page ESCC/79.

Vai alla Tabella Archivio Articoli.